Migliorare l’infrastruttura informatica per renderla più agile e scalabile garantisce alle imprese la possibilità di ridurre le inefficienze, aumentare le prestazioni della rete e tenere il passo con le tecnologie. 

Cistelaier, nata nel 1998 dalla fusione della genovese Cistel e della modenese Laier, è una società leader nella produzione di circuiti stampati e ha clienti in settori critici come l’aerospaziale e la difesa, l’automotive, le telecomunicazioni e il medicale.  

Con l’intenzione di mantenere costante l’elevato livello di qualità del lavoro che le viene riconosciuto anche all’estero, Cistelaier aveva bisogno di rinnovare la propria infrastruttura informatica - coordinando, in particolare, le due sedi di Genova e di Modena - e di scalare facilmente in futuro. Per raggiungere questo importante obiettivo si è rivolta a Netmind. 

La soluzione proposta da Netmind ha previsto l’adozione di HPE per l’infrastruttura e di HPE Aruba per la connettività, intervenendo fisicamente per aggiornare gli elementi di rete e i cablaggi. I risultati sono stati evidenti: l’incremento delle prestazioni è stato fin da subito tangibile e l’infrastruttura è ora uniforme e capace di far dialogare sistemi diversi. 

 

Infrastruttura informatica scalabile e agile 

La principale necessità di Cistelaier era rinnovare l’infrastruttura IT per renderla più efficiente, sicura e scalabile. I clienti di Cistelaier operano in settori critici, che richiedono le migliori tecnologie a disposizione: anche l’infrastruttura informatica della stessa Cistelaier aveva bisogno di essere rivista e riorganizzata, al fine di poter soddisfare anche le esigenze interne di efficienza e affidabilità. 

In particolare, l’infrastruttura IT originale era stratificata a seguito dei vari aggiornamenti che si sono susseguiti negli anni, oltre a risultare suddivisa fra le sedi di Genova e di Modena. Da qualche tempo, il cliente stava ormai registrando delle evidenti difficoltà operative 

Tra tutte, la seguente: nella gestione dei clienti, una delle operazioni più frequenti è quella di trasformare i progetti che arrivano dalle aziende in formato CAD, molto pesanti, in file CAM che possano poi essere prodotti dagli impianti. La necessità di agire sull’infrastruttura informatica per rafforzare l’agilità e la velocità di esecuzione era ormai impellente. Inoltre, l’intero progetto di rinnovamento doveva essere eseguito garantendo la continuità del business. 

 

La soluzione di Netmind 

Per raggiungere gli obiettivi prefissati da Cistelaier, Netmind ha innanzitutto dovuto effettuare una valutazione dell’infrastruttura “as is”, ossia prendere in considerazione la situazione di partenza, la distribuzione dei servizi e quali modifiche dovevano essere preventivate quando sarebbero andati a regime con il nuovo sistema. 

La seconda fase del progetto, che complessivamente è durato sette mesi, è stata delicata. Netmind ha dovuto mettere in sicurezza ciò che andava mantenuto per trasferirlo sul nuovo sistema, avendo cura di tutelare gli asset tecnologici necessari a garantire la continuità operativa. Gli interventi sono stati eseguiti sulle macchine meno recenti ed è servito a verificare che potessero garantire un trasferimento così imponente. 

Netmind ha poi individuato la soluzione più adatta per le specifiche richieste di Cistelaier. Il piano originale è stato modificato in fase sviluppo per accertarsi di avvicinarsi il più possibile a quanto era stato richiesto dal cliente. Per questo, Netmind ha scelto affidandosi a HPE per l’infrastruttura e HPE Aruba per la connettività. 

Infine, è stato necessario intervenire fisicamente attraverso: 

  • la sostituzione dei firewall; 
  • la sostituzione degli elementi di rete; 
  • il rifacimento dei cablaggi, ora in fibra ottica; 
  • la migrazione dei servizi prioritari, come SQL server e domain controller; 
  • la migrazione del file server. 

L’intervento è riuscito a garantire la continuità del business e i circa cento dipendenti di Cistelaier non hanno avvertito alcun disservizio durate l’operazione. 

 

Prestazioni migliorate e scalabilità assicurata 

Il programma di soluzioni e interventi organizzato da Netmind ha saputo centrare le richieste di Cistelaier, portando a una serie di vantaggi evidenti fin da subito: 

  • L’infrastruttura è ora uniforme e permette di far dialogare ad alta velocità sistemi diversi, basati su Windows, macOS e Linux. 
  • Le sedi distanti ora sono sincronizzate e interconnesse in modo da supportare la gestione dell’azienda e garantire, in ottica futura, la scalabilità, che era uno dei perni dell’operazione di ammodernamento dell’infrastruttura del cliente. 

New call-to-action

Topic: Servizi Informatici